Home » SPOSA FORMOSA » Sposa Formosa: la storia della creazione dell’abito di Giulia

Sposa Formosa: la storia della creazione dell’abito di Giulia

sposa formosa

La ricerca dell’abito da sposa è la croce e la delizia dei preparativi di un matrimonio. E’ divertente girare per gli atelier della città, accompagnate dalle amiche, ed emozionarsi nell’indossare un abito bianco. Ma purtroppo non sempre è così. Ecco perché Giulia ha scelto un abito Sposa Formosa per il suo giorno più bello.

Sposa Formosa: la scelta consapevole di Giulia

La data che Giulia e Andrea avevano previsto per le loro nozze era settembre 2020. Così, una volta ricevuta la proposta, Giulia si è messa subito alla ricerca del suo abito da sogno.

Fonte ph | Foto Regina di Segato Micaela

sposa formosa

Lavorando nel settore moda, Giulia era perfettamente consapevole delle problematiche legate alle donne plus size, ancor più se si tratta della ricerca di un abito da sposa. In molti atelier, infatti, capita spesso che siano pochi gli abiti dedicati alle spose curvy e molte spose sono costrette ad accontentarsi degli unici modelli presenti, subendo forti stress psicologici.

Già in precedenza Giulia aveva accompagnato molte amiche a scegliere l’abito per il grande giorno, e le capitava spesso di sentirsi a disagio, quasi come fosse fuori luogo in quel contesto. Forte delle esperienze passate, dunque, ha deciso di contattarmi per provare gli abiti Sposa Formosa.

L’atelier dove puoi “sentirti a casa”

Ascoltare le storie di tutte le ragazze che si affidano a me per realizzare l’abito dei loro sogni, è il primo passo della creazione del loro modello ideale. L’atelier Sposa Formosa è nato proprio per accogliere le paure, i dubbi e le domande delle spose curvy, andando incontro alle loro esigenze in maniera professionale, evitando, così, inutili stress da inadeguatezza.

Anche con Giulia si è subito creata una certa affinità, lei si sentiva compresa e ha lasciato che studiassi nei minimi dettagli il suo abito, seguendo i desideri del suo cuore. Giulia ha trovato un posto dove potersi sentire a casa, un luogo dove l’imperfezione diventa un punto di forza e dove ogni sposa plus size può sentirsi valorizzata come merita.

Sposa Formosa: come viene realizzato un abito?

Giulia voleva sentirsi bellissima nel giorno del suo matrimonio. Voleva un abito che rappresentasse la sua personalità, ma soprattutto che si adattasse perfettamente alle sue curve.

Ad ogni futura sposa che entra in atelier, propongo sempre una selezione di dieci modelli, diversi per taglio, lunghezza e forma, ma l’abito dei loro sogni è già tra i primi quattro. Così come è stato per Giulia, che una volta provati sei abiti aveva già capito qual era il modello con il quale si sentiva maggiormente a suo agio.

Fonte ph | Foto Regina di Segato Micaela

sposa formosa

Una volta scelto il taglio che meglio si addiceva alla sua figura, insieme, abbiamo ragionato sui pizzi e la loro applicazione. L’animo romantico di Giulia l’ha portata a scegliere un abito con pizzo sulle maniche e sul corpetto, e una gonna di morbido e vaporoso tulle.

Il risultato finale è stato sorprendente, la soddisfazione più grande è stata vedere Giulia sicura di sé e fiera nel suo elegante abito bianco. Vedere i loro occhi che brillano emozionati è ciò che ripaga il mio lavoro.

SCOPRI COSA NE PENSA GIULIA DELLA SUA ESPERIENZA IN SPOSA FORMOSA; ASCOLTA LA SUA INTERVISTA

Condividi