Perchè siamo anche un CONTENUTO e non solo CONTENITORE…..

marinella-zazzera-sposa-formosa_storia_stilista

Ho trentasette anni, ma praticamente da 20 combatto contro i PREGIUDIZI SULLE FORME COPIOSE DELLE DONNE.
Oggi voglio raccontarvi, come sono arrivata dopo anni di esperienza a creare SPOSA FORMOSA, e lo faccio partendo dall’inizio.

Ricordo bene, avevo 15 anni ed ero innamoratissima del mio primo fidanzatino…

Le prime cotte, sono meravigliose, sono quelle che ti segnano per tutta la vita, nel bene e nel male;
E’importantissima la prima relazione,è quella che ci permetterà, successivamente, di diventare grandi;

Era bello, alto, carnagione scura e simpaticissimo, mi faceva ridere un sacco ( oggi a pensarci bene era questa l’unica cosa che mi piaceva di lui)
Sono stati, quelli, gli anni della spensieratezza, della leggerezza (non fisica)
La vita era bella e bisognava vivere….
Tutto procedeva perfettamente: liceo ok, casa ok, amore ok; Sembrava la vita perfetta;

Poi ad un certo punto arriva la maturità, la malizia e la paura enorme che quel ragazzo che io tanto adoravo, potesse un giorno andare via e lasciarmi per una ragazza più bella.
Ma la paura non arriva mai da sola;Solitamente non arriva all’improvviso; Lei arriva subito dopo che il dubbio e l’incertezza si sono instaurate nella mente; e a me e’andata proprio cosi’.

Un giorno (che credo non dimenticherò mai) come tutti i pomeriggi, dopo aver lo studio ci si ritrovava tra amici per passare un po di tempo;
Arriva LEI, bella, rossa di capelli e carnagione chiara, occhi chiari, simpatica e solare; E lui, il mio fidanzatino dall’altra parte che esclama un WOOOOOOOOWWW di stupore, meraviglia, voglia di poter essere li con lei a chiacchierare e chissà cos’altro….
E io, li, in disparte, a fare da spettatrice alla scena che da li in poi mi avrebbe portato solo a DISTRUGGERE la vita.

Non potevo crederci, la paura che lui potesse innamorarsi di un’altra ragazza mi fece cosi male, che quasi ricordo ancora il dolore; L’incertezza che quella storia potesse ancora andare avanti ormai era li, dietro l’angolo, ad ogni mio pensiero negativo lei era li.

Tutto cambiò da quel giorno, tutto da quel giorno divento’ diverso;
Decisi che, se lui aveva avuto per lei quello sguardo di ammirazione che non aveva mai avuto per me, allora io dovevo essere come lei.
Dovevo avere le sue stesse caratteristiche.

E cosi cominciai, quasi per gioco, il mio digiuno forzato. Non potevo permettere a qualcuna di portarmi via lui, come fosse stato l’ultimo uomo sulla terra;
Non potevo permettere al mio fisico NON CONFORME allo standard di farmi perdere lui;
Non potevo permettere a me stessa nemmeno piu’ un pezzo di pane, solo per farmi bella ai suoi occhi.
La paura era davvero troppo, e tutta quell’agitazione portò a farmi credere che io non ero bella perchè ero grassa.

Ahhhh se avessi avuto la consapevolezza di oggi, quanti pianti mi sarei risparmiata!

Persi tantissimi kg in pochissime settimane, ma nonostante ciò, lui continuava a stravedere solo per lei;
e più lui aveva occhi solo per lei, più io mi distruggevo non mangiando nulla,e cercando di non assumere più di un pacchetto di crakers e una mela al giorno.
I risultati però si vedevano eccome… lui continuava a non guardarmi ma gli altri si, cavolo cominciavo a farmi notare anche io… wow, ero fiera di me…. talmente fiera che continuavo a non mangiare, perchè un solo kg in più poteva farmi ricadere nel baratro della solitudine:
In realtà nel baratro ci ero già dentro, ma io non lo sapevo ancora;

Arrivò il giorno in cui 4 denti del giudizio, tutti insieme, decisero di trafiggermi le gengive, e il dolore era fortissimo, e l’unica alternativa era l’intervento chirurgico: Ma quando lo specialista mi vide, capì subito che non avrebbe mai potuto procedere, perchè ormai non avevo più la forza fisica necessaria per sopportare un banalissimo intervento;
Uscite di li, io e mia mamma, andammo dalla dottoressa che decise di ricoverarmi IMMEDIATAMENTE e di farmi visitare per avere un quadro clinico preciso.

Pesavo 40 kg, 13 kg sottopeso, praticamente ero all’inizio di una grave forma di disturbo alimentare come l’ANORESSIA. Ormai il mio corpo rifiutava il cibo, non richiedeva nulla, non avevo nessuna intenzione di rovinare il bellissimo lavoro fatto fino ad allora per essere finalmente magra ( forse troppo pero’)
Ma ovviamente mi ricoverarono subito e poichè ero minorenne, non avevo nessun potere decisionale su di me, e ovviamente i miei fecero di tutto per potermi salvare..

Seguii un percorso di educazione al cibo, e un PERCORSO PSICOLOGICO che mi aiutò a capire il vero problema:

Io non avevo fiducia in me perchè pensavo di non essere NESSUNA E NULLA senza di lui; Un problema molto diffuso tra le donne, cioè la mancata consapevolezza di quanto siamo forti e coraggiose; Io ero spaventata, innamorata di lui tanto da uccidermi per lui, e lui di tutto ciò nemmeno si era accorto;

Quindi??? Imparai si a magiare bene, ma imparai anche a guidare la mia vita come meglio potevo, senza lui e senza nessuno che mi potesse obbligare ad essere una persona diversa.

IO SONO QUESTA, CON I MIEI FIANCHI E LE COSCE PIENE, IL MIO SEDERE PRONUNCIATO, HO LE BRACCIA MOLLICCE E LENTE, LA PANCIA E HO ANCHE LE SMAGLIATURE; MA SONO SEMPRE IO, UNA DONNA CORAGGIOSA E FORTE CHE NON VUOLE DIPENDERE DA NESSUNO E CHE NON VUOLE ESSERE GIUDICATA SOLO PER L’ASPETTO FISICO, MA ANCHE PER IL SUO QUOZIENTE INTELLETTIVO E PER LA SUA SIMPATIA, E PER LA SUA VOGLIA DI VIVERE .
IO SONO COSì E A CHI NON STA BENE VEDERMI CON I MIEI KG IN PIù, DICO : CIAOOOOOOO

Condividi